WE WERE BORN TO DIE

Nascita, crescita, riproduzione e morte. È forse questa la vita?

Secondo il pensiero di un materialista probabilmente sì, ma per me no.

Non voglio parlare dell’esistenza di un aldilà dopo la morte, ma voglio parlare dello scopo della vita.

Che sia la fine di un lungo percorso lo scopo della vita? Sì, ma non solo.

Siamo nati per morire, e questo non si può mettere in dubbio, ma qual è il vero motivo della nostra esistenza? Perché ci troviamo qui? Cosa dobbiamo farne della nostra vita?

Secondo me ognuno è nato per realizzare i propri sogni e diventare “Qualcuno” nella propria vita.

Non importa quali siano le nostre aspirazioni, i nostri desideri o che cosa faremo, importa solo come decidiamo di vivere la nostra vita, cosa facciamo per realizzare i nostri sogni e soprattutto come ci comportiamo di fronte alle difficoltà che incontreremo lungo la strada.

La vita è diversa da persona a persona: c’è chi la vive come una sfida, chi come uno scherzo, chi con indifferenza ma siamo sempre noi a decidere come viverla. Lei ci offre sempre una possibilità con l’oggi, ce ne ha offerta una ieri e ce ne offrirà un’altra domani; abbiamo circa 27.000 possibilità nella vita perché lei ogni giorno ce ne offre una nuova, sempre diversa dalla precedente, ma pur sempre un’altra chance.

Sappiamo tutti che queste possibilità non sono infinite, sono tante ma non infinite, quindi perché sprecarle?

Quando ci dicono che siamo tutti uguali ci dicono una grande bugia. E non mi riferisco al colore della pelle, al sesso o alla nazionalità, ma mi riferisco al carattere, alla personalità, al proprio essere se stessi.

C’è chi è più dotato e chi meno, chi è più intelligente chi meno, chi è sensibile, chi è indifferente. C’è chi è stato fortunato infatti la natura gli ha regalato un talento o una dote e riesce a farsi valere e riesce a realizzare i propri sogni senza riscontrare grandi difficoltà, mentre c’è chi deve lottare per riuscire e nulla gli viene dato senza sacrificio.

Se guardiamo la natura da questo punto di vista possiamo notare quanto questa sia ingiusta, ma questo è un altro discorso.

Per la maggior parte di noi la vita non è uno scherzo, tantomeno un gioco. É una montagna da scalare, piena di ostacoli da superare, salite ripide e fosse molto profonde nelle quali cadiamo e dobbiamo trovare modo di uscirne.

Però, alla fine, una volta in cima a quella montagna, è tutto finito. La vista dalla cima di quella montagna è meravigliosa e crea in noi una sensazione di quiete e calma, ci fa rilassare immersi nei ricordi e cadere in un sonno profondo. Ma quanto tempo è passato da quando abbiamo iniziato a scalare quella montagna?

Dipende. Dipende da quanto essa fosse alta e dipende dal modo in cui l’abbiamo scalata ma è comunque passato tantissimo tempo e quelle che ci sembravano tante opportunità sono finite. Dopo tanto, tantissimo tempo, sono finite.

E a questo punto ripropongo questa domanda: qual è lo scopo della vita?

Sicuramente la vita è qualcosa di ben più profondo della scalata di una montagna, la vita è un cammino lungo diversamente da individuo a individuo e prevede la scoperta di se stessi e degli altri.

La vita è un viaggio, una sfida, la nostra più bella esperienza… 

“Vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo e pensa come se non dovessi morire mai.”

~Jim Morrison  

 

Alexia B., Secondaria,

team del giornalino