VIAGGIO NEL SISTEMA SOLARE

Il cielo stellato ha sempre affascinato lo sguardo dell’uomo, suscitando il desiderio di conoscere i misteri dello spazio infinito.

Così è stato anche per i nostri ragazzi delle quinte di Monasterolo e Mezzate, che con entusiasmo hanno studiato il sistema solare; si sono organizzati in piccoli gruppi e hanno realizzato dei piccoli capolavori.

Cristian, Stefano, Marco R., Riccardo, Primaria

“Il sole è rappresentato da una lampada che si accende. Per realizzare l’universo e le orbite abbiamo utilizzato una base di cartone e per i pianeti palline di polistirolo; per la luna, essendo un satellite piccolo, la capocchia di uno spillo. Abbiamo messo i brillantini che rappresentano le stelle e altri corpi celesti, infine con il sale grosso abbiamo fato la cintura asteroidale.”

Jessika, Tommaso, Ludovico, Federico, Primaria

“Questo è il mio sistema solare: l’ho realizzato con un pizzico di fantasia, perché ho creato i colori mischiandoli. Sono stata felice del risultato finale“.

Marta, Primaria

“Siamo state felici di vivere questa esperienza. È stato un ottimo stimolo per la nostra fantasia e creatività, l’abbiamo trovato molto divertente e ci ha aiutato a stare meglio insieme. Soprattutto siamo fiere di averlo fatto senza l’aiuto dei genitori e ciò ci ha dato tanta soddisfazione”

Ambra, Anna, Agata, Alice, Primaria

Stephen, Gabriele, Luca, Gianmarco, Primaria

Gloria, Marco C., Giuseppe, Francesco, Primaria

Emma, Francesca, Aurora, Elisa, Primaria

Mirko, Futura, Sara, Mohammed, Chiara, Primaria

“La base è di polistirolo ricoperta da una carta da regalo stellata, i pianeti sono palle di polistirolo dipinte con le tempere sorrette da un bastoncino di legno”.

Realizzato da Mattia R., Primaria

Base di compensato per sfondo stellato, sfere di polistirolo per fare i pianeti, appoggiate a lunghi stuzzicadenti, dipinti poi con le tempere.

Realizzato da Silverio S. e Dimitri H., Primaria

Materiale: polistirolo, vernice, scotch, stuzzicadenti, scatolone, bomboletta, spray blu, luci elettriche a led.

“Per fare il progetto abbiamo pitturato 10 palline di polistirolo con vari colori. Poi abbiamo fatto dei buchi in uno scatolone e nei pianeti, abbiamo usato del filo interdentale per attaccarli insieme, infine abbiamo colorato lo scatolone con la bomboletta spray blu e aggiunto le luci a led in fondo allo scatolone per le stelle.”

Realizzato da Tommaso F., Primaria

“Ho rivestito la base di polistirolo con della carta da pacco stellata, i pianeti con materiale di polistirolo dipinti con le tempere e appoggiati su stuzzicadenti lunghi. Per realizzare l’anello di Saturno ho usato del cartoncino bianco appoggiandoci sopra dei chicchi di caffè.”

“La base è un sottovaso capovolto e ricoperto  poi con della carta d’alluminio. Sopra il piatto viene appoggiato un tappo di sughero e su di esso a sua volta un “fidget spinner” che gira su sé stesso
All’interno dei fori vengono legati dei fili di ferro dove poi vengono infilati i pianeti realizzati con delle sfere di polistirolo dipinte con la tempera”.

Realizzato da Lorenzo, Primaria

 

Siamo molto soddisfatte del lavoro svolto dai ragazzi, che si sono impegnati nel realizzare questi fantastici plastici.

Il nostro intento è suscitare interesse e curiosità per tutta la realtà, perché il desiderio di conoscere si dilati sempre di più.

“A che tante facelle”, “Ed io che sono?” si chiede il pastore errante di Leopardi interrogando il firmamento.

“Tutto dipende dallo sguardo e da ciò che lo attrae: noi diventiamo ciò che guardiamo. I nostri telefoni spesso ci costringono al basso, a inarcare la schiena, ci fanno scordare di intercettare in orizzontale il volto altrui, in verticale la volta celeste…

Solo nel volto dell’altro si scopre la propria essenza umana, solo nella volta del cielo si scopre la propria essenza divina. ”

Tratto dal libro “Ogni storia è una storia d’amore”

di Alessandro D’Avenia

Primaria  Mezzate e e Monasterolo