UN VIAGGIO NEI NOSTRI LIBRI PREFERITI

Episodio 6

“10… 9… 8… 7… 6…. 5…. 4… 3… 2… 1… che gli Hunger Games abbiano inizio!

Iniziamo a correre senza sapere dove stiamo andando evitando gli altri tributi. Saliamo su un albero e vediamo che l’arena è suddivisa in quattro parti: in una c’è un sentiero di lava solidificata sopra un lago di lava incandescente, in un’altra c’è un prato, nella terza c’è la sabbia, e nell’ultima ci sono dei fiori.

Prendiamo una mela a testa e iniziamo a mangiarla. Stiamo per scendere dall’albero quando vediamo un ragazzo dei Favoriti che mangia una mela e muore. Sentiamo il colpo di cannone. Uno in meno. Ma perché noi non siamo morte? Forse c’entra qualcosa la divergenza? Probabilmente sì.

Corriamo verso la parte con la lava perché è più vicina. Probabilmente qui siamo più al sicuro dagli attacchi degli altri tributi; possiamo anche buttarli nella lava.

Verso sera guardiamo il cielo e vediamo che restiamo solo in dieci: noi due più altri otto.

Il giorno dopo ci accorgiamo che dove siamo ora non c’è cibo, allora ci avventuriamo verso il prato.

Siamo quasi arrivate ad un albero quando Cufat, uno dei Favoriti, corre verso il prato per attaccarci. Appena mette piede nell’erba inizia ad urlare e dopo lo vediamo cadere a terra: morto? Un colpo di cannone. Morto. Corriamo verso di lui e gli rubiamo le armi prima che l’hovercraft lo porti via. Abbiamo una spada e una balestra.

Ci sistemiamo nel prato perché qui siamo al sicuro, a meno qualcuno non ci lanci una freccia.

Ci addormentiamo. Ci svegliamo di notte quando sentiamo dei rumori. Dei mostri stanno sbranando i Favoriti.  Vengono verso di noi. Sono simili agli squali, però hanno tre occhi e due bocche. Le sue zampe posteriori sono da struzzo e quelle anteriori sono come quelle di leone però sono ricoperte da artigli affilati. Dobbiamo scappare. Prendiamo le armi e vediamo un albero alto e robusto su cui un animale non si potrebbe arrampicare. Corriamo e ci saliamo sopra. Da lì con la balestra riusciamo a colpirne uno che cade addosso ad un altro. Restano solo quattro bestie. Facciamo altri tiri però non riusciamo a centrarli tutti con le frecce che abbiamo a disposizione, quindi lanciamo la spada e centriamo la testa del mostro rimanente. Siamo sopravvissute!

Dall’albero vediamo che nell’arena restiamo solo noi. All’improvviso compare un hovercraft con dei fucili pronti a far fuoco e capiamo che ci vogliono uccidere perché l’arena non aveva effetto su di noi.

Riflettiamo e ci rendiamo conto che abbiamo ancora le bacchette magiche, le potremmo usare per cercare di tornare a Hogwarts!

Pronunciamo l’incantesimo in fretta e poi vediamo solo il buio…”

Continua

Lucilla & Erica, Secondaria