ORIENTAMENTO IN USCITA

La nostra scuola offre agli studenti di terza, ma anche quelli del primo e del secondo anno, tante e utili attività per aiutarci con l’orientamento della scuola superiore.

Nel corso del triennio il ragazzo acquisisce competenze generali in tutti gli ambiti e si rende conto di che cosa gli piace fare e capisce per che cosa è più “tagliato” ma non solo. I professori, in particolare quelli di lettere, fanno fare ai propri studenti attività che li fanno riflettere su se stessi e in questo modo, e anche dialogando, li aiutano notevolmente a capire cosa vogliono e dovrebbero fare.

Agli studenti dell’ultimo anno, inoltre, viene proposta un’iniziativa a mio parere veramente molto utile: un esperto di orientamento si mette a loro disposizione per tre incontri da tre ore ciascuno e spiega loro le differenze tra i vari tipi di scuola superiore e fa fare loro attività di orientamento.

Insieme all’orientatrice, noi della III C abbiamo compilato dei moduli e fatto riflessioni su noi stessi; abbiamo scoperto tutte le differenze tra licei, istituti tecnici o professionali e IFP a ora sappiamo per che cosa e come ci preparano e che bocchi professionali ci offrono.

Stando alle opinioni di tutti, questi incontri di orientamento sono stati sostanzialmente utili perché, grazie a questi, alcuni di noi sono stati in grado di affrontare quasi spensieratamente la scelta (e speriamo sia quella giusta), anche se altri, nonostante ciò, sono rimasti indecisi. Secondo me la scelta della scuola superiore risulta difficile quando non si ha ancora capito quali siano le proprie passioni, i propri interessi e i propri talenti, perché sapendo in quale ambito si è bravi e cosa si vuole fare,  è quasi impossibile non sapere cosa scegliere!

In seguito ai tre incontri collettivi, l’esperto offre la sua disponibilità per chi è ancora indeciso e affronta il caso dello studente più specificamente, dandogli consigli personali basandosi sugli interessi e le abilità  del ragazzo.

Un consiglio per i futuri ragazzi di terza media: fate la vostra scelta con calma e prendetevi tutto il tempo che vi serve. Pensateci già da ora perché se no gli ultimi mesi saranno molto stressanti. Decidete con la vostra testa e assolutamente non scegliete una scuola solo perché ve l’hanno consigliata, date ascolto ai pensieri di genitori, professori e amici, ma ricordatevi che la scelta finale è solo ed esclusivamente la vostra. Pensate a cosa vi piace fare e in che cosa siete bravi, pensate che cosa vorreste fare da grandi o almeno in quale settore vi immaginate. Per finire, non scegliete una scuola perché ci vanno i vostri amici, anche se sarà difficile separarsi da loro, ricordatevi che ve ne farete di nuovi (probabilmente anche migliori) e affronterete i cinque anni più belli della vostra vita!

Alexia B., Secondaria,

team del giornalino