UN DRAGO PER AMICO

Un giorno un ragazzino di nome David, mentre stava passeggiando, incontrò per caso un piccolo e tenero draghetto, con gli occhi dolci, rotondi come due biglie di colore azzurro intenso.

Il corpo era ricoperto da squame traslucide che riflettevano la luce del sole facendogli cambiare continuamente colore.

Aveva una codina con in punta un batuffolo che sembrava zucchero filato e un nasino a forma di pallina da ping-pong .

David pensò ‘se la mamma mi ha fatto portare a casa un gatto, perché non potrei fare lo stesso con un grazioso draghetto innocente?!’

Prese il draghetto tra le braccia e si avviò verso casa tutto felice.

Quando arrivò a casa e la mamma lo vide con quella strana bestiolina appesa al collo, disse: “Cos’è quella cosa?!”.

E David rispose: “Non si vede?! E’ un tenero draghetto! ”

Dopo quella sfacciataggine la mamma urlò: “NON MI INTERESSA CHE SIA TENERO E GRAZIOSO, IN QUESTA CASA NON CI ENTRA, QUESTIONE CHIUSA!”

Visto che David non voleva che il draghetto rimanesse per strada decise di fare un patto: se ne sarebbe preso cura lui.

La mamma acconsentì a dargli un’opportunità, ma al primo danno causato dal draghetto, lo avrebbe sbattuto fuori casa.

Appena preso, sembrava non desse nessun problema, ma quando iniziò a crescere la situazione divenne complicata, perché il draghetto mangiava di tutto e di più: a colazione una montagna di waffle al miele con dieci tazze da un litro di latte, a pranzo si nutriva di due cinghiali interi e gli rimaneva ancora spazio per il dessert, riempito minimo da otto cheesecake e a cena mangiava quintalate di ravioli ripieni.

Mangiando sempre di più, da cinque chili, divenne cinque tonnellate.  Questo era un gran problema, perché diventò troppo grande e impegnativo. Così David fu costretto ad abbandonarlo, però non dimenticò mai quanto si era divertito con il suo migliore amico: il suo amico drago.

Iris M., Secondaria, team del giornalino