IL FOLLE VOLO – I Episodio

In una città nei dintorni di York, poco conosciuta ma dove la pace regnava sovrana, c’era una sontuosa villa, che più che una villa era un grande parco con una casa ancor più grande al centro, infatti quella reggia si chiamava Quenton Park e prendeva il nome dallo scrittore che l’abitava, sir Nicholas, per gli amici Nick o Nicky Quenton – Harper. Questo scrittore aveva tre figli: Nefer, il più piccolo, Meren, il mezzano e Royan, la più grande, l’unica ragazza della sua famiglia, eccetto sua madre ovviamente. Questa però era morta un anno prima facendo un incidente sulla Brodway.

Tornando a noi, i tre ragazzi, sin da piccoli avevano sempre desiderato vedere Quenton Park dall’alto e così, a furia di insistere, sir Nick dovette cedere e i tre ragazzi noleggiarono un elicottero. Naturalmente Royan era ai comandi, Meren era seduto affianco a lei e guardava rapito il paesaggio con la fronte spiaccicata sul finestrino, mentre Nefer guardava Royan che smanettava coi comandi sul cruscotto.

Quenton Park vista dall’alto era ancora più bella che vista dalla finestra ma non ci volle molto, come si aspettavano, tant’è che Nefer sbottò – Uffa, ma dobbiamo già atterrare!? –

-Ma stai scherzando spero, certo che no! Approfittiamone per fare un giro: a parte mamma, nessuno si è mai mosso da Quenton Park – ribatté Royan e, detto questo, virò verso est. – Torneremo per cena, promesso – – E il pranzo scusa ?!- chiese Meren – Tranquillo maiale, ho portato un panino per te e due pacchetti di cracker , uno per me e uno per Nefer . Ah, sì, giusto e tre bottiglie d’ acqua!

Royan aveva pensato a tutto, meno che al carburante, infatti, dopo circa un’ora e mezzo la spia lampeggiante del carburante si accese e Nefer chiese – Cos’è quella roba là che luccica e lampeggia? – – Non so, ma non sembra nulla di buono … – disse Royan – È … finito il carbuante…- suggerì Meren mentre azzannava il suo panino – come hai fatto a capirlo??!!- chiesero all’ unisono Royan e Nefer – Dal semplice fatto che si sono fermate le pale e che sotto c’è scritta grande come una casa e a caratteri cubitali la parola C-A-R-B-U-R-A-N-T-E!  – rispose lui ingoiando un grosso pezzo di panino. Intanto Nefer borbottava – Le ragazze non servono a nulla, anzi, sì, a qualcosa servono… A FAR FINIRE LA TUA VITA PRIMA DEL TEMPO! Ecco a cosa! – Royan si girò e gli tirò un pugno sul naso il quale iniziò subito a schizzare sangue ovunque – Oh, santo cielo, Meren, va là dietro e sistemagli quel naso! – – Sissignora!- rispose Meren che saltò subito sul sedile posteriore afferrando il naso del fratello –Meren, se per migliorare la situazione intendi staccarmi il naso, stai facendo tutto correttamente! –Ah sì? Adesso ti faccio vedere io come ti stacco il naso!– No, no, Meren, fermati, io scherzavo ! –ADESSO BASTA RAGAZZI !!!, Noi stiamo precipitando e voi vi mettete a litigare?! – Aspetta, aspetta, stiamo… precipitando ?!!!—Nefer , si può sapere cos’hai in quel cervello?-Ah, non so, e tu ?! – Royan si girò, lo afferrò per la camicia e gli sibilò –Stai zitto o ti fracasso il cranio in così tante parti che… che … –Che cosa!?– Bèh…STAI ZITTO ! OKAY !!?-.

Sembrava guidasse elicotteri da quando era nata visto l’atterraggio di fortuna che seguì alla litigata col fratello.

-È già ora di cena e non siamo ancora tornati a casa !! – – ed è tutta colpa di Royan –Esatto – Avete smesso voi due di confabulare là dietro?! Se siete ancora vivi, è tutto merito mio! … a meno che … non abbiate cambiato idea!?!!- disse Royan girandosi di scatto e afferrando i due fratelli per il colletto delle camicie – No,no, Royan , non ci teniamo a finire in una tomba sfracellati da nostra sorella …. Che tra l’altro è una ragazza…–Cos’avete detto?!– Ah, no, niente, niente ..- .

Camminando in quello strano posto dov’erano finiti arrivarono ad una grotta. –Per stanotte, ci accamperemo qui – decise Royan. I due ragazzi erano talmente stanchi che non ebbero nemmeno la forza di ribattere, cosa alquanto strana, stavolta però, si avviarono docilmente nell’angolo che aveva indicato Royan  e si buttarono a terra addormentandosi subito. Royan rimase sorpresa da quanto si comportassero da bambini piccoli, nonostante l’età di quattordici e sedici anni, poi non ce la fece più e cedette anche lei al sonno.

Quando si svegliarono il giorno dopo erano legati l’uno all’altro e non potevano muoversi. Quando riuscirono a mettere a fuoco meglio, videro due uomini con strani tatuaggi sul volto e sulle braccia, Royan con la coda dell’occhio notò che le gambe erano state incise con dei pugnali, o comunque con qualcosa di molto affilato per creare strani ghirigori. Non sapeva chi fossero, ma di due cose era sicura, erano stati quei due a legarli, e non sembravano per nulla amichevoli.

Martina D., Secondaria, team del giornalino