Inglese: i vantaggi di conoscere la lingua più parlata al mondo

 

Al giorno d’oggi credo sia evidente che l’inglese è la lingua più conosciuta, studiata e parlata al mondo. Di conseguenza questo nel tempo ha sempre più portato gli altri paesi ad adeguarsi, in primo piano facendo studiare l’inglese come seconda lingua in tutte le scuole.

Ora però vorrei focalizzarmi maggiormente sulla questione italiana: anche qui l’inglese viene insegnato fin dalle elementari, ma siamo sicuri che questo porti ai cittadini italiani la necessaria conoscenza dell’inglese? La risposta viene spontanea, ovvio che no. Personalmente penso che principalmente non sia un effettivo mal insegnamento la causa di questa poca conoscenza dell’inglese. Credo derivi proprio dai singoli individui a cui viene insegnata questa lingua. Parlando a livello italiano, penso che a molti italiani la conoscenza dell’inglese non importi molto. Me lo fa pensare il fatto che siano state molte le volte nelle quali abbia notato italiani che di inglese non ne sapevano quasi niente, nonostante l’avessero studiato a scuola.

Un banale esempio ne è la famosa vicenda di Renzi, deriso da molti per questo, che durante un discorso con altri leader stranieri non riesce quasi a formulare una frase.

La questione che però ritengo più “grave” di questo discorso è che in Europa solo noi italiani abbiamo un livello d’inglese così basso rispetto a paesi come Spagna, Francia, Svizzera e molti altri ancora.

Ma perché è così importante conoscere l’inglese?

Oltre che per arricchire la propria cultura personale, l’inglese, come d’altronde anche altre lingue, a parer mio è da sapere per girare il mondo, avere possibilità di fare viaggi e trovare lavoro anche in paesi esterni, sia per propria volontà che magari anche per necessità.

Io, per esempio, da grande vorrei fare il fotografo e lavorare visitando varie parti del mondo. In questo caso per me fare il fotografo non significherebbe solo lavorare, ma anche divertirmi a acculturarmi. Ovvio che per far sì che questo sogno si avveri non basta conoscere l’italiano, parlato solo in Italia. Per questo mi sto impegnando e mi impegnerò molto a studiare l’inglese.

Quindi, avete capito quali possano essere le ottime conseguenze del conoscere la lingua più parlata al mondo? Spero per voi di sì: se siete giovani, sapere l’inglese potrebbe cambiare le vostre vite.

Federico C., Secondaria,

team del giornalino