IL FOLLE VOLO – II Episodio

I due uomini parlavano una lingua molto diversa dalla loro, Royan si chiese il perché: com’era possibile che in un’ora e mezza fossero finiti tanto lontano da casa, in un posto dove non parlavano nemmeno la loro lingua?

I due uomini si avvicinarono ai ragazzi e li sollevarono di peso, così com’erano: legati l’uno all’altro e se li trascinarono dietro nella fitta foresta.

Camminarono in mezzo ai rovi per circa una mezz’oretta, poi arrivarono ad un villaggio di case costruite in fango e paglia; gli uomini erano tutti armati fino ai denti e avevano lineamenti rozzi e le gambe storte, come aspetto le donne non cambiavano tanto, avevano gli zigomi molto pronunciati e il naso aquilino.

Royan  ebbe appena il tempo di guardarsi intorno che subito uno dei carcerieri le diede una bastonata sulla schiena costringendola a piegare la testa in una smorfia di dolore.

Alcuni degli abitanti del villaggio, al passaggio del gruppo, iniziarono a bersagliare i tre ragazzi di pietre. Una colpì Nefer in pieno volto, subito Royan si girò e inviperita iniziò ad urlare alla donna che aveva scagliato la pietra – Ehi, tu, come ti permetti, quello è mio fratello! – il carceriere le tirò subito un pugno sul naso che subito iniziò a sanguinare tingendole il volto di rosso. Nefer sputò in faccia all’uomo in difesa della sorella che gli sorrise attraverso la maschera di sangue.

Nessuno dopo l’ira di Royan aveva osato scagliare una sola pietra, la guardavano tutti con rispetto e timore, qualcuno addirittura le sorrideva.

Camminando attraverso il villaggio, arrivarono ad un edificio più imponente degli altri che puzzava di marciume e muffa.

Appena entrarono, capirono che si trattava di una prigione, le guardie si identificavano per un giglio impresso a fuoco sulla spalla sinistra.

Royan notò un ragazzo che aveva più o meno la sua età, non era come gli altri, aveva i lineamenti fini, le gambe dritte e la testa in perfetto equilibrio sul collo lungo. Il naso non era aquilino, ma dritto, aveva gli occhi verde smeraldo e stava cantando con la testa rovesciata all’indietro appoggiata contro una parete. Quando vide Royan smise di cantare e guardò i tre ragazzi entrare nella cella di canne di bamboo.

Anche se sottile, il bamboo era resistente, tanto che non tremò neppure davanti all’assalto di Royan, la quale scoraggiata si lasciò cadere contro un muro. Intanto il ragazzo aveva ricominciato a cantare, per Royan la voce di quel ragazzo era come caramello caldo e nonostante tutto la faceva stare bene. Si addormentò col sorriso sulle labbra.

Quando si svegliò, il ragazzo non era più con le altre guardie appoggiato contro il muro opposto, ora era con la spalla appoggiata contro la cella dei tre ragazzi e fissava Royan con quei suoi occhi di smeraldo. Quando la ragazza si svegliò e lo vide si sentì trapassata da parte a parte, il ragazzo le sussurrò qualcosa, ma lei non capì, allora il ragazzo le fece segno di avvicinarsi, Royan eseguì e lui le disse all’orecchio: -Ho deciso di aiutarvi – – Ma tu parli la mia lingua! – rispose lei – Sì, sì, ma abbassa la voce sennò qui ci ammazzano tutti e due!- – Okay, okay, ma come hai intenzione di fare? È impossibile, guarda –disse buttandosi contro le sbarre con tutto il suo peso-non tremano neppure!- – Le pareti sono fatte di fango fresco, dovrete razionarvi l’acqua e usare quella che rimane per sciogliere poco a poco il fango e fare un buco nella parete, così potrete scappare — Grazie, ma ti prego, continua a cantare!-

-Certamente!- E detto questo rovesciò la testa all’indietro e cominciò a cantare. Royan avvicinò l’orecchio alle sbarre per ascoltare la sua voce da vicino: era limpida, cristallina, come un torrente di montagna, non stonava mai, non c’era volta che la sua voce fosse fastidiosa da ascoltare, faceva sembrare tutto più bello.

Martina D., Secondaria, team del giornalino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *