UN PAESE PER TUTTI

In un paese lontano tutto era rotondo: rotonde le case, le porte, le finestre, gli alberi e gli abitanti.
La gente rotolava allegramente: c’erano cerchi grandi, piccoli, rossi, azzurri, un po’ storti, con qualche ammaccatura.

Un giorno in questo paese arrivò un viaggiatore. Era già capitato e non vi era niente di strano, se non, e non era poco, che questo viaggiatore era QUADRATO e assomigliava ad un fazzoletto.
Al signor Quadrato quel paese senza spigoli sembrò strano ma gli piacque e decise di fermarsi. Quadrato cercò subito di fare amicizia con il signor CERCHIO ed i suoi fratelli e offrì a tutti tè e cioccolata.
I rotondi ridevano di lui perché lo trovavano assai buffo, ma giocando insieme a palla e a biglie scoprirono che il signor Quadrato era un gran simpaticone.
Dopo un po’ di tempo nel paese arrivò il signor TRIANGOLO e, quando lo videro, gli abitanti cominciarono a ridere perché aveva tre punte ed era un po’ spigoloso, ma non era affatto pericoloso.
Quando si misero a giocare con lui scoprirono, invece, che era gentile, divertente e che aveva i loro stessi gusti.
Passò altro tempo e arrivò anche il signor RETTANGOLO e la signorina OVALE ELLISSE.
I cerchi, nel vederli, si misero a ridere anche di loro, di lui perché era molto alto e magro e di lei perché era lunga e cicciottella.

Ma il signor Rettangolo, che non era permaloso ma un tipo allegro e geniale, fece una proposta: “Perché non proviamo a fare qualcosa insieme per conoscerci meglio?”
E così andarono a fare un bel pic-nic in un verde praticello.
Ognuno preparò dei buonissimi panini e gustosi tramezzini; erano di tutte le forme e di tutti i colori: rotondi, quadrati, triangolari, ovali, rettangolari, che vennero molto apprezzati.

Da quel giorno gli abitanti del paese dei Rotondi ed i quattro viaggiatori diventarono amici per sempre e insieme costruirono un piccolo paese:

Classi I A e I B,
Scuola primaria di Mezzate