RICORDI DI SCUOLA PRIMARIA

Siamo alla fine della classe quinta di questo lungo viaggio durato cinque anni e di esso ci sono ricordi a non finire.

Il primo giorno di scuola mi ricordo che avevo paura della scuola primaria,ma ero anche felice perché nella mia stessa classe ci sarebbe stata anche la mia migliore amica Beatrice; noi eravamo all’entrata della scuola con i nostri genitori e avevamo il timore delle maestre e di quello che dovevamo affrontare. Poi poco dopo siamo entrati a scuola con la maestra Ilda e i nostri genitori; quando abbiamo varcato la porta dell’aula ci sembrava un territorio sconosciuto.

I genitori sono andati via dopo qualche abbraccio e saluto; la maestra ci ha detto di fare un disegno sull’estate appena trascorsa ed io per fare il cielo ho consumato tutta la mia matita azzurra!

A mezzogiorno sono venuti i miei genitori con quelli dei miei nuovi compagni e siamo andati a casa.

Nella nostra classe ci sono stati dei momenti molto belli e divertenti; per esempio quando siamo andati al Museo Egizio e sul pullman ci siamo divertiti perché parlavamo ridevamo e stavamo insieme, oppure quando abbiamo fatto le recite a scuola.

Ci sono stati anche dei momenti un po’ più brutti come quando abbiamo cambiato tante maestre di matematica, finalmente quest’anno ne abbiamo avuta una che si chiama Marzia e che sarebbe stata anche l’ultima.

Adesso sto pensando alla nuova scuola secondaria e ho paura dei professori e di quello che dovrò affrontare, ma sono sicura che ce la farò!

Ecco, questo è quello che mi ricordo di questo viaggio stupendo con maestri e compagni magnifici.

Chiara M., classe quinta B, Scuola Primaria Monasterolo

Siamo alla fine e questi ultimi giorni voglio stare più vicino ai miei compagni.

Sembra ieri che eravamo in prima elementare e mi ricordo il primo giorno di scuola che mi sono alzato, ho fatto colazione e i miei genitori mi hanno accompagnato a scuola.

Più mi avvicinavo alla scuola più mi sentivo agitato; entrati a scuola, ci siamo diretti in classe con la maestra Ilda e tutti i genitori.

Io mi sono seduto vicino a Lorenzo Paladini e mi sono tranquillizzato, il papà ha fatto una foto a me e a tutti i miei compagni.

Andati via i genitori con la maestra abbiamo cominciato a conoscerci e una volta tornato a casa ho raccontato a mamma e papà quello che avevamo fatto.

Mi ricordo il primo spettacolo “Le quattro stagioni” in cui la maestra ci ha diviso in gruppi e ogni gruppo doveva rappresentare una stagione e i costumi li abbiamo realizzati noi con l’aiuto di Ilda.

In seconda elementare siamo andati in gita a vedere come venivano prodotti il vino, il formaggio e l’olio; mi sono divertito molto ad ascoltare la guida.

La gita che mi è piaciuta di più è stata quella della quinta elementare perché siamo stati a Milano a vedere le Chiese e in particolar modo mi ha colpito la Colonna del diavolo.

Mi ricordo di una volta che io e Lorenzo abbiamo litigato e per un paio di giorni non abbiamo giocato e questa cosa mi ha reso triste.

Oggi ci troviamo in quinta, gli anni sono passati velocemente e tra poco dovremo affrontare la prima media.

Sarà molto dura perché bisognerà studiare e impegnarsi di più per prendere bei voti.

Conosceremo le professoresse e i nuovi compagni di classe; ci saranno nuove materie da studiare e argomenti più difficili.

È stato bello trascorrere questi cinque anni con i miei compagni e le mie maestre e ringrazio Ilda e la maestra Francesca che mi hanno aiutato.

Arturo S., classe quinta B, Primaria Monasterolo

Siamo alla fine della scuola primaria e si avvicina l’inizio della scuola secondaria… sembra che sia passata solo una settimana!

Il primo giorno ricordo che ero emozionatissimo: il preside Vincenzo Paladino ci ha accolti subito benissimo con un caloroso benvenuto e ci siamo sentiti a nostro agio. Ero molto felice di essere in classe con alcuni dei miei compagni di squadra: Marco, Matteo, Lorenzo, Tommy…..

Questi anni sono volati, abbiamo fatto tantissime esperienze: gli spettacoli e le recite, in prima le quattro stagioni, in seconda lo spettacolo di Natale, in terza la recita su Marco Polo, in quarta il progetto con il flauto e in quinta un laboratorio di teatro.

La gita che ho preferito è stata quella all’Archeopark, in terza. Abbiamo imparato molte cose e vissuto esperienze da uomini primitivi.

Ho pochi ricordi tristi: qualche brutto voto o le note delle maestre, invece i litigi li ho cancellati dalla mente, perché con gli amici facciamo sempre subito pace.

Ora devo pensare alla scuola secondaria e non vedo l’ora di andare alle medie, però mi dispiace lasciare i compagni e le maestre.

La scuola primaria è stata un’avventura bellissima e non la scorderò mai.

Niccolò P., classe quinta B, Primaria Monasterolo