I PENSIERI DEI NUOVI ARRIVATI ALLE MEDIE

medieLe medie sono come delle gite. Mi ricordo ancora quando la mia maestra di italiano alle scuole elementari mi disse il giorno prima della nostra visita alle Scuole medie di portare un quaderno ed una penna blu o nera ma NON rossa. Momenti belli, indimenticabili. Allora il giorno dopo, la mattina presto ero pronta davanti agli autobus con il mio cappellino in testa, lo zaino pesante sulle spalle, con dentro panini, se necessario, soldi, QUADERNO E PENNA BLU. Ero praticamente attrezzata come per un giorno di scuola, ma non più della scuola Primaria, ma della scuola Secondaria di primo grado, la Rita Levi Montalcini. Il panino per gli intervalli, il quaderno per prendere gli appunti durante una spiegazione da parte del professore, e ovviamente la penna per scrivere. La libertà, la responsabilità che avevo in gita quando mi dicevano: “Fate attenzione, ogni tanto date un occhio per vedere se ci siamo tutti”, mi piaceva. Mi sentivo importante, come essere già alle medie.

Questa è la mia esperienza, ma adesso vorrei sapere le impressioni delle prime di quest’anno sulla nuova scuola, perciò ho fatto qualche domanda qua e là come se fossi una vera giornalista. Le domande che sono piaciute di più sono state: “Preferisci medie o elementari? Perché? Professori nuovi e compagni nuovi, come ti trovi?”. Alcuni hanno risposto che preferiscono le medie perché si diventa responsabili di se stessi, perché c’è più libertà per il semplice fatto che si esce alle 14.00 da scuola, e perché i compiti sono più concentrati durante lo svolgimento della settimana e meno nel weekend, ma la risposta più bella per me è stata quella di un ragazzo che mi ha detto che gli argomenti studiati sono molto più interessanti. Altri però preferiscono le elementari perché c’è più tempo di gioco ed il rapporto con le maestre è del tutto diverso rispetto a quello con professori e professoresse; anche secondo me questo è una delle cose più brutte delle medie, perché con le maestre magari si usciva fuori a cena o a prendere un gelato e si poteva scherzare, invece alle medie è del tutto diverso.

Concludendo, visto che quest’anno avete e abbiamo la possibilità di commentare un articolo, vorrei sapere come la pensate voi sul passaggio tra elementari e medie. Aspetto di vedere i vostri commenti!

 

Giulia D’Ippolito,

II A Secondaria,

team del giornalino